Ricorda che il tuo 5×1000 viene comunque prelevato dallo Stato,
anche in assenza di una tua scelta, decidi Tu cosa farne!

Dal 1 gennaio 2018, per quanto riguarda le erogazioni liberali effettuate a favore di Associazioni di Promozione Sociale, si applicano, in campo
fiscale, le norme previste dal decreto legislativo 3 luglio 2017, n.117.
L’articolo 83 del decreto stabilisce che dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche (vale a dire quelle assoggettate all’IRPEF) si possa detrarre un importo pari al 30% di quanto erogato a favore degli enti del Terzo settore, per una cifra complessiva di 30.000 euro.
In alternativa, per le donazioni in denaro, è riconosciuta la deduzione del 10% del reddito complessivo netto dichiarato. L’eccedenza potrà
essere computata negli anni successivi fino a concorrenza dell’ammontare erogato, (anche se solo fino al quarto anno). Le donazioni in denaro o in natura a favore degli enti del Terzo settore erogate da enti e società (soggette alla IRES) è prevista solo la deducibilità dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore entro il limite del 10 per cento del reddito complessivo dichiarato.
Anche in questo caso, qualora la deduzione sia di ammontare superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza
può essere computata in aumento dell’importo deducibile dal reddito complessivo dei periodi di imposta successivi, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare. Nota Bene! L’art. 66 del DL 18/2020 “Cura Italia” prevede ora ulteriori agevolazioni per le erogazioni liberali effettuate da soggetti titolari di reddito d’impresa. Per costoro vi è un ampliamento della soglia di deducibilità: infatti, le erogazioni liberali in denaro e in natura, effettuate nell’anno 2020, sono deducibili dal reddito d’impresa per intero. Ai fini dell’IRAP tali erogazioni sono deducibili nell’esercizio in cui sono effettuate.

ASSOCIAZIONI SANITARIE

AVIS STRADA IN CHIANTI

Sostieni anche tu donando il sangue, chi dona sangue dona vita!
L’associazione: AVIS Comunale Strada in Chianti è una sezione comunale dell’AVIS, è un’associazione privata, senza scopo di lucro, che ha il fine di garantire un’adeguata disponibilità di sangue e dei suoi emocomponenti a tutti i pazienti che ne abbiano necessità. Il fabbisogno di emocomponenti si verifica in presenza di condizioni o eventi eccezionali quali terremoti, disastri, incidenti, o durante interventi chirurgici ma anche nella cura di malattie come tumori, leucemie, anemie croniche, trapianti di organi e tessuti.
Collegamento web: www.avisstrada.it/

ASSOCIAZIONI ONLUS

PANE QUOTIDIANO

Sostieni anche tu con il 5×1000: Codice Fiscale 80006610481
L’associazione: L’Associazione Pane Quotidiano di Firenze si pone l’obiettivo di offrire, ai soggetti bisognosi, sostegno materiale ed economico che ne garantisca salute e benessere, e ne renda possibile l’avviamento allo studio ed al lavoro, e l’inserimento a pieno titolo nella società. L’Associazione vuole un mondo in cui tutti, sopratutto bambini, anziani soli e persone indigenti, abbiano garantiti almeno livelli minimi di salute e benessere.
Collegamento web: www.panequotidianofirenze.it

CURE 2 CHILDREN

Sostieni anche tu con il 5×1000: Codice Fiscale 05712190486
L’associazione: La Fondazione nasce nel 2007 per volontà di un medico oncologo, il Dott. Lawrence Faulkner, ed un gruppo di genitori che hanno vissuto, e vivono ogni giorno, il dolore per la perdita del proprio figlio a causa di una malattia onco-ematologica. Oltre al sostegno logistico, formiamo i medici ed il personale sanitario affinché nel tempo riescano a prendersi cura dei piccoli pazienti affetti da queste malattie terribili.
Collegamento web: www.cure2children.it

COMITATO IN BIANCO E NERO

Sostieni anche tu con il 5×1000: Codice Fiscale 94233030488
L’associazione: Nasce nel 2001 da un gruppo di amici di Firenze, il Comitato in Bianco e Nero organizza eventi con lo scopo di sostenere la missione di Suor Maria Valeria Amato, da più di 20 anni presente in Guinea Bissau. I progetti sono rivolti alla creazione di strutture sanitarie ed educative. Un primo progetto sostenuto dal Comitato è stato realizzato a Quinhamel, dove sono stati costruiti una scuola e un ospedale con un reparto di maternità e ambulatorio dentistico. Collegamento web: www.comitatoinbiancoenero.it